Categories
Enciclopedia

Criptovalute

Perché investire in Criptovalute?

Quando ho conosciuto il Bitcoin, la principale criptovaluta, si trattava di una realtà completamente nuova. Un amico mi ha inviato un articolo su Satoshi Nakamoto.

Sembrava che avesse creato un’alternativa alla FIAT, un sistema di pagamento più efficiente e meno manipolativo.

Sembrava più una scommessa che un investimento, e questo accadeva alla fine del 2008. Poi ho iniziato a prestare attenzione al bitcoin a causa della sua volatilità. Guardando la CNBC sullo schermo della borsa, vedevo movimenti di prezzo del 10-20% al giorno. Sembrava una scommessa da cowboy.

Ho iniziato a studiare il bitcoin non per la sua volatilità, ma dopo aver letto la biografia dell’ex presidente della Federal Reserve Bernanke e una sua intervista a 60 Minutes.

Bernanke ha ammesso che la Fed ha la capacità di creare denaro usando solo un computer e ha spiegato che il dollaro non ha valore intrinseco.

 

Ma cos’è il Bitcoin e perché mi sono convertito nonostante non abbia un valore intrinseco e non generi cashflow?
Questa sezione spiega cosa sono le criptovalute. Parleremo del Bitcoin, dei suoi vantaggi e svantaggi e di come investire in questo asset.

Cosa sono le criptovalute?

Le criptovalute sono beni digitali utilizzati come mezzo di scambio. I possessori di criptovalute registrano le loro proprietà in un libro mastro digitale utilizzando un sistema crittografico.

Le criptovalute possono essere visualizzate e utilizzate con un codice informatico e non esistono in forma fisica come i dollari o gli euro. Vengono scambiate solo telematicamente su Internet.

 

Quali sono le caratteristiche delle Criptovalute?

Sono molti gli elementi che caratterizzano le criptovalute:

  • Le criptovalute hanno dei protocolli, o meglio delle regole. Queste regole non sono altro che codice informatico che definisce il funzionamento del sistema di pagamento.
  • Esiste un libro mastro, ad esempio un libro mastro distribuito o blockchain. Questa parte è molto importante perché rende tutte le transazioni irreversibili.
  • Una rete decentralizzata.

Le Criptovalute sono legali?

Le criptovalute come il Bitcoin sono quasi tutte legali, nel senso che chiunque può acquistarle su piattaforme come Coinbase senza alcuna conseguenza legale.

Tuttavia, cosa non hanno ancora:

  • Non avendo corso legale, al momento non possono essere utilizzate come mezzo di pagamento. Ciò significa che possono acquistare e conservare i bitcoin e beneficiare del loro apprezzamento, ma per convertirli in denaro devono convertire i bitcoin in valuta nazionale, come euro o dollari.
  • Non sono regolamentate da una terza parte. Negli Stati Uniti, ad esempio, la Federal Reserve regola il sistema bancario, ma con le criptovalute non c’è una terza parte e ci sono protocolli in cui la gestione viene fatta da più partecipanti in un sistema peer-to-peer.
  • Non sono garantite. In alcuni Paesi, come gli Stati Uniti, i depositi dei risparmiatori sono garantiti dal governo (fino a un certo importo). Questo non vale per la crittografia.

 

Che cos’è il Blockchain?

La blockchain è la tecnologia che ha reso possibili le criptovalute.

Ma cos’è esattamente la blockchain?

La traduzione letterale è blockchain. Non è altro che un registro aperto tenuto per memorizzare le transazioni tra più parti in modo sicuro e indelebile.

Una volta creata, la blockchain non può più essere cancellata. Tuttavia, questo tipo di tecnologia non si applica solo alle criptovalute. In ambito finanziario, ad esempio, questi sistemi sono utilizzati per l’emissione di lettere di credito e per le importazioni e le esportazioni tra acquirenti da una parte all’altra del mondo.

I partecipanti a questi sistemi sono chiamati nodi e sono distribuiti e interconnessi. Per ulteriori informazioni sul funzionamento della tecnologia blockchain, consultare questo articolo.

 

Che cos’è un blocco blockchain?

Un blocco della blockchain non è altro che una transazione. Quando acquistiamo bitcoin, effettuiamo una transazione che crea un blocco.

Questi blocchi sono collegati tra loro e sono sicuri e immutabili grazie all’uso della crittografia.

Cos’è il bitcoin, il pioniere delle criptovalute?

Ad oggi esistono centinaia di criptovalute e protocolli. Di fatto, tutte hanno avuto origine dal Bitcoin. Il termine altcoin si riferisce a una valuta alternativa – la valuta originale o piuttosto un’alternativa al Bitcoin.

Bitcoin è stato creato nel 2008, quando Satoshi Nagatomo ha pubblicato online l’ormai famoso “White Pater”, che descrive il protocollo Bitcoin. Il Bitcoin è una criptovaluta distribuita tramite blockchain con computer e tecnologia peer-to-peer.

 

Chi è Satoshi Nagatomo?

Per ora, questo rimane sconosciuto. Le speculazioni sono numerose, ma è molto probabile che dietro l’apparizione di Satoshi ci sia un gruppo di persone. Alcuni hanno ipotizzato che provengano dalla Silicon Valley. Tuttavia, questo non è mai stato provato. Ma perché si ritiene che ci sia più di una persona?

  • Secondo Open Forum, il loro vocabolario è cambiato nel tempo.
  • La diffusione del Bitcoin è stata rapida, nonostante la sua complessità. Sarebbe stato molto difficile per un programmatore creare un sistema del genere.
  • Satoshi sembra spesso scrivere in gergo inglese, il che rende difficile credere che sia giapponese.

Il Bitcoin si basa su un sistema decentralizzato.

A differenza di altre valute, come il dollaro o l’euro, il bitcoin non ha un’entità centralizzata. Nel caso del dollaro, l’entità centrale che controlla il meccanismo monetario che regola la quantità di moneta in circolazione è la Federal Reserve.

La Federal Reserve, come la BCE, può emettere moneta e alzare o abbassare i tassi di interesse a suo piacimento. Ma perché? Perché esiste un sistema di fiducia.

Bitcoin e il sistema di fiducia delle banche centrali

In questo sistema, noi cittadini ci “fidiamo” delle azioni della banca centrale perché si ritiene che le azioni della banca centrale siano nell’interesse dei cittadini. Ad esempio, la banca centrale abbassa o alza i tassi di interesse in base a determinati criteri dell’economia.

Uno di questi criteri è il tasso di inflazione. Se l’inflazione è bassa, la banca centrale abbassa i tassi di interesse per stimolare l’economia; al contrario, se l’inflazione è troppo alta, la banca centrale alza i tassi di interesse. Questo è il compito principale della banca centrale:

  • Gestire il tasso di inflazione
  • Il compito principale dell’autorità monetaria è quello di gestire il tasso di inflazione.
  • Regolazione del sistema dei pagamenti
  • Gestione delle riserve valutarie
  • Inoltre, anche se non viene spesso menzionato, ci sono stati acquirenti di ultima istanza, come è accaduto nel 2008 e nel 2020, quando le banche centrali sono diventate acquirenti di ultima istanza quando tutti gli altri hanno abbandonato il mercato. Ad esempio, sono intervenute per salvare dal fallimento le cosiddette società sistemiche!

 

Come funziona la politica monetaria delle banche centrali?

Capire come funziona la politica monetaria delle banche centrali è fondamentale per gli investitori in Bitcoin. Infatti, queste politiche espansive hanno portato alla creazione delle criptovalute e del Bitcoin.

Innanzitutto, cerchiamo di capire la politica monetaria. Il compito della banca centrale è quello di avvicinare il livello dei prezzi all’obiettivo fissato dal governo. Questo è importante per i cittadini, ma anche per gli investitori.

Un’inflazione molto elevata, come quella degli anni ’70, riduce il potere d’acquisto delle persone. La situazione si aggrava quando l’inflazione si trasforma in iperinflazione. In passato, l’iperinflazione nella Germania del dopoguerra è ancora fresca nella memoria. I prezzi aumentarono a tal punto che i lavoratori venivano talvolta pagati tre volte al giorno.

Più di recente, c’è l’esempio del Venezuela, dove l’inflazione è salita a circa 53 milioni di punti percentuali tra il 2016 e il 2020. Tassi di inflazione così elevati possono distruggere un Paese e il suo popolo, come è successo in Venezuela, che ora è in ginocchio. Vi consigliamo di leggere il libro di Rey Dalio intitolato Debt Cycles. Tuttavia, va notato che è vero anche il contrario: un periodo di continuo calo dei prezzi non è ottimale per l’economia.

  • Pertanto, le banche centrali cercano di correggere gli scenari di inflazione e deflazione in due modi:
  • Nel caso dell’inflazione, le banche centrali aumentano i tassi di interesse e incrementano l’offerta di moneta limitando l’offerta di beni e servizi.
  • In caso di deflazione, invece, aumentano l’afflusso di nuova moneta nell’economia e riducono i tassi di interesse.

 

Le banche centrali sono davvero indipendenti?

Le banche centrali sono istituzioni indipendenti dal settore politico. Ciò significa che lo scopo della banca centrale è quello di gestire la politica monetaria nell’interesse pubblico.

 

Questa indipendenza è stata messa in discussione, soprattutto negli ultimi 10-12 anni. Le banche centrali sono state accusate di essere politicizzate.

Ed è in questo contesto, in questa crisi di fiducia nelle banche centrali, che è iniziata l’ascesa del bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *